Image Alt

Cattaro, Montenegro

Cattaro, Montenegro

1
2
3
1
2
3

Durata

Una giornata

Tipologia

Low cost

Budget

30 euro

Premessa

Kotor si trova ai piedi del Monte Lovćen in Montenegro e si affaccia sulle Bocche di Cattaro, una serie di profondi bacini che si specchiano sul Mar Adriatico.

Questa antica fortezza mi ha ricordato vagamente la mia città natale, Ferrara, per via della sue imponenti mura che circondano la città vecchia su tutto il perimetro anche se, devo ammettere, all’interno della cinta si ammira un’architettura davvero unica nel suo genere.

 

Un misto di sensazioni tra suggestivi vicoli Veneziani sovrastati dalla natura dei fiordi circostanti che ricordano la Norvegia, il tutto avvolto da un contesto ricco di storia che ricorda la bella Italia!

La città vecchia

La parte più antica della città di Cattaro è collocata all’interno delle mura ed è sicuramente l’area più affascinante. Non a caso, per l’appunto, fa parte del Patrimonio dell’Umanità UNESCO.

 

L’ingresso principale è marcato da un piccolo arco risalente alla dominazione Veneziana che si affaccia direttamente sul mare (o meglio, sulle enormi crociere che rovinano il bellissimo paesaggio circostante).

Ingresso città vecchia di Kotor

Questo punto è sempre parecchio affollato per via dei numerosi turisti che sbarcano dalle navi.

 

Facendosi largo tra essi si varca la soglia d’ingresso e ci si ritrova a Piazza delle Armi, la piazza principale.

Essa è marcata dalla caratteristica Torre dell’Orologio e dai numerosi bar/ristoranti (come d’altronde ovunque all’interno della cittadina).

 

Qui inizia il divertimento: a mio avviso Cattaro è una di quelle città da assaporare vagabondando, nel vero senso della parola.

I suoi intimi vicoli assomigliano ad un labirinto e non sarà facile orientarsi, il bello è proprio questo! Dunque sfilati l’orologio dal polso ed inizia a girovagare questa graziosa cittadina nella maniera più autentica: passeggiando senza meta e senza tempo.

Tra palazzi storici, bancarelle e le suggestive mura c’è tanto di cui godere.

I graziosi vicoli della città vecchia

Uno degli accessi alle mura

Assolutamente imperdibile poi è la visita al Monte Lovćen.

Monte Lovćen

Risalire il monte partendo direttamente dalla città vecchia è un’esperienza da non perdere.

Monte Lovćen alle spalle della città vecchia

L’ingresso è (ahimè) a pagamento ma ti basterà svegliarti all’alba per poter accedere gratuitamente.

I tornelli aprono alle 7 ma se ti presenterai lì almeno 45 minuti/un’ora in anticipo troverai tutto aperto e non ci saranno telecamere a sorvegliarti dunque ti consiglio vivamente di anticipare la visita!

Non solo sarà gratuita, potrai anche godere di una vista spettacolare all’arrivo in cima e, inoltre, troverai poche anime in giro che hanno avuto la tua stessa idea.

 

Un’esperienza unica dunque!

 

La scalinata è lunga e ripida (circa 400 scalini) ma la vista dalla cima è sensazionale! Inoltre, ciò che la rende speciale, sono le rovine che ogni qua e là è possibile incontrare lungo il cammino.

Vista sulla baia di Cattaro all’alba

Visitare il monte all’alba è davvero magico: l’atmosfera è speciale grazie alla quiete assoluta che difficilmente troverai a Kotor se non durante le prime ore della mattinata, inoltre la poca gente in giro a quelle ore ti farà sentire il padrone della città e sarà fantastico!

La città “nuova”

La città all’infuori delle mura si presenta con la classica brezza e atmosfera marittima tipica delle città ubicate nei pressi del mare.

 

Qui, a mio parere, non c’è nulla di troppo interessante da visitare dunque il mio consiglio è sempre quello di vagabondare senza meta ed allontanarti dal centro turistico in modo tale da poter assaporare la vera essenza della città Montenegrina.

Graziosa aiuola caratteristica della città “nuova”

Saranno presenti decine e decine di tour operator che propongono gite in barca fino allo sfinimento. Non credo ne valga la pena: in primis questo tipo di attività penalizza fortemente la bellezza di Kotor per via dell’incredibile via vai di barche ogni due per tre, inoltre, ho sempre ritenuto che il miglior modo per assaporare al meglio una località è a piedi e Cattaro non fa eccezione.

 

Prenditi il tuo tempo e passeggia tra i graziosi vicoli di Kotor e, specialmente fuori mura, fermati ad apprezzare l’unicità della città da una prospettiva diversa.

Suggestiva vista sul fiordo all’alba

Considerazioni finali

Negli ultimi anni Cattaro sta diventando sempre più popolare anche se non è ancora stata travolta dai turisti (per lo meno non nei mesi di bassa stagione, ad Agosto era un disastro).

Vale assolutamente la pena fargli visita prima che il sovraffollamento turistico arriverà anche qua.

 

La città resta comunque davvero suggestiva ed è una vera e propria perla dei Balcani.

Quando visitai Kotor venivo da Podgorica e, dopo la visita a quest’ultima, devo ammettere che le mie aspettative erano davvero basse ma mi sono dovuto assolutamente ricredere in un batter d’occhio e mi son fatto travolgere dalla bellezza di questa magica cittadella.

E’ senza dubbio, secondo me, una delle più belle città in Europa.

Scorcio dalle mura della città vecchia

I suoi ponti in legno che collegano la città vecchia a quella “nuova”, gli intimi vicoli dall’influenza Veneziana, la natura che la circonda.. Questo misto di culture e paesaggi la rendono una località davvero magica e unica.

 

Ah dimenticavo! Kotor è anche conosciuta come la “città dei gatti” e ti ci vorrà poco a capire perché. Non so spiegarti come mai, probabilmente i Cattarini amano i gatti? Sta di fatto che sono ovunque e sono super affettuosi.

Che tu sia un amante o meno, fermati a fargli qualche coccola, sono adorabili!

Cosa mi è piaciuto

Beh sicuramente l’autenticità della città.

Kotor è davvero unica nel suo genere. E’ un misto di culture ed ha saputo sorprendermi sotto ogni punto di vista.

Suggestiva sicuramente ma anche intima e graziosa.

 

Gli amanti della città la possono assaporare visitando la parte più “nuova” mentre gli amanti della storia trovano pane per i loro denti visitando l’interno delle mura. Per quanto riguarda coloro che vogliono stare a stretto contatto con la natura beh, l’ho detto, la città è circondata da paesaggi mozzafiato. Ce n’è davvero per tutti i gusti!

Cosa non mi è piaciuto

Sicuramente, come menzionato precedentemente, le enormi navi da crociera che vanno e vengono insieme ai numerosi e insistenti tour operator che propongono viaggi in barca.

 

Le crociere tolgono spazio alla bellezza del paesaggio circostante e invadono la città di turisti.

Per altro, l’insenatura sulla quale Kotor si affaccia non è neanche tanto vasta quindi le navi si fanno protagoniste. Purtroppo questo è un aspetto molto negativo sul quale, ahimè, non ci si può far nulla.

I miei consigli

Goditi l’atmosfera serale: di sera Kotor si anima più che mai. I suoi numerosi locali sprigionano il meglio e ce n’è per tutti i gusti. Se vuoi divertirti, le serate a Cattaro sapranno soddisfarti! Il clima generale è festoso e intimo allo stesso tempo.

 

Visitala all’alba: le prime ore del mattino sono sicuramente le migliori per poter assaporare la vera essenza della città in totale libertà e pace.

Passeggiare tra il piacevole rumore delle onde insieme alla tipica brezza marittima mi ha personalmente lasciato un profondo senso di pace.

Per non parlare poi del privilegio di poter aver l’intera città a propria disposizione!

 

Prenditi almeno tre giorni: io l’ho visitata in soltanto una giornata e mezza per questioni di tempo e soldi e son stato costretto a visitar tutto in fretta; non fare il mio errore.

Non è una città grande e tre giorni sono sufficienti a mio parere per visitarla al meglio.

Hai trovato l'articolo interessante?

Se l’articolo ti è piaciuto e pensi che possa aiutare nel concreto le persone, ti invito a condividerlo utilizzando uno dei pulsanti qua sotto e/o a lasciare un commento!

[email protected]

Viaggio per trovare la migliore versione di me stesso. Scrivo per condividere l'importanza di utilizzare il viaggio come strumento per conoscersi e superare i propri limiti.

Lascia un commento

About Be Adventurer

Nato a Ferrara, Italia, Be Adventurer è un blog di Alex Negrini.
Lo scopo principale del sito è quello di condividere e promuovere il viaggio utilizzato come mezzo di crescita.
Tutti i diritti riservati © beadventurerblog 2020.

[email protected]