Image Alt

Destinazioni

Laghi di Plitvice

Una vera e propria oasi naturale che può farti ritrovare pace e benessere!

1
2
3
1
2
3

Durata

Una giornata

Tipologia

Trekking

Budget

50 euro

Premessa

Nonostante la Croazia sia da sempre famosa per le sue incredibili spiagge, la meta più visitata restano i laghi di Plitvice.

Patrimonio UNESCO dal 1979, le sue acque cristalline, le cascate imponenti, la ricca vegetazione e la natura incontaminata rendono questo posto un vero e proprio paradiso naturale situato nel territorio della Dalmazia.

Adatto per famiglie, anziani o per chi semplicemente, come me, vuole prendersi del tempo di relax a stretto contatto con la natura, i laghi di Plitvice sanno accontentare chiunque.

Scopri come organizzare al meglio una visita a questo fantastico parco naturale con questa guida di viaggio che ho preparato per te.

Informazioni sul parco

Il territorio occupa circa 300 chilometri quadrati ed è riconosciuto per i suoi incantevoli sedici laghi suddivisi tra superiori (gornja jezera) e inferiori (donja jezera).

A mio parere questi ultimi sono molto più affascinanti siccome sono caratterizzati da sfumature di colori surreali e presentano cascate impressionanti (la più alta ammonta a 78 metri).

L’intera area è ricca di vegetazione, un vero tuffo nella natura!

Qui, infatti, sono insediate più di un migliaio di specie vegetali che rendono il parco una vera e propria oasi naturale.

 

A rendere il territorio ancora più ricco poi ci sono le numerose varietà di animali tra cui: orsi, lupi, cinghiali, linci, pipistrelli, tassi e molteplici tipologie di volatili (non preoccuparti, incontrare orsi è molto raro nonostante essi siano il simbolo dei laghi, principalmente perché occupano la parte più remota del parco).

 

L’area protetta offre tutto il necessario per una visita piacevole tra cui ampie aree pic-nic e servizi di ristorazione.

Itinerari e tempistiche

L’intera area è percorsa dalle famose e suggestive passerelle in legno che costeggiano e attraversano i laghi, esse sono lunghe ben 18 chilometri.

Esistono molti percorsi segnalati che possono essere svolti a discrezione del tipo di visita che intendi fare. Dai più semplici e brevi (circa 3.5 chilometri) ai veri e propri trekking più impegnativi che percorrono tutta l’area del parco.

Per un’esplorazione completa, compresa di soste per i pasti, foto ricordo e semplicemente per godersi lo splendore dei laghi sono necessarie dalle sei alle otto ore circa (anche se il trekking completo può risultare impegnativo ti assicuro che i percorsi sono davvero piacevoli e rilassanti).

 

Visita il sito ufficiale a questa pagina per la mappa di tutti i percorsi disponibili con i relativi tempi di percorrenza.

 

Tieni a mente, però, che all’interno del parco sono presenti un trenino panoramico che percorre tutta l’area del territorio protetto e battelli elettrici che, in alcuni punti, “tagliano” i laghi e permettono dunque una visita più breve.

Come raggiungere i laghi

Io stavo facendo un tour dei balcani quando ho deciso di visitare il parco nazionale, pertanto arrivavo da Spalato.

Da qui partono giornalmente “comodi” bus che in circa tre ore e mezza arrivano a Plitvice al prezzo di circa €20,00.

 

Dall’aeroporto di Zagabria i laghi distano circa 140 chilometri e sono presenti bus diretti che impiegano circa due ore e mezza, il prezzo si aggira attorno ai €10,00.

Altra possibilità è quella di prendere un bus dall’aeroporto di Zara la cui distanza è di circa 130 chilometri. Il viaggio dura circa due ore e costa più o meno €10,00.

 

Nota che sono generalmente previsti sconti per studenti, bambini e anziani.

 

Gli autobus ti scaricheranno di fronte le principali entrate (1 e 2). Esse sono marcate da caratteristiche casette in legno che sono, appunto, le fermate di questi ultimi.

Presta attenzione agli orari di arrivo/partenza dei bus chiedendo informazioni alle guide locali siccome quelli “affissi” non sono sempre ben aggiornati.

Puoi scegliere di viaggiare con flixbus, compagnia che offre viaggi economici con parecchie partenze giornaliere (io ho raggiunto i laghi proprio con questi mezzi) oppure puoi visitare il sito bus croatia per viaggiare con bus locali e programmare al meglio la tua visita.

 

Nota che i biglietti si possono acquistare direttamente a bordo delle autovetture per quanto riguarda i bus locali, mentre per quanto riguarda flixbus è necessario prenotare il proprio posto in anticipo.

Quando visitarli

Il periodo migliore per visitare i laghi coincide sicuramente con la primavera (da metà Marzo a fine Maggio) per via dei flussi d’acqua abbondanti e per gli alberi e i fiori dai colori ricchi e vivaci.

 

Ti consiglierei senza dubbio anche una visita d’inverno.

I laghi ghiacciati e le passerelle innevate rendono questo posto davvero incantevole.

 

Nota che, in questo periodo, diversi passaggi potrebbero essere temporaneamente chiusi perché pericolosi, ma i colori e i paesaggi che i laghi sprigionano nella stagione invernale devono essere davvero unici.

Inoltre tieni presente che d’inverno ci sarà meno afflusso di gente quindi la visita sarà sicuramente molto più piacevole!

Orari

Il parco resta aperto tutto l’anno, festivi compresi (per informazioni aggiornate visita il sito ufficiale) e sono aperti dalle 7 alle 20 mentre i parcheggi chiudono due ore più tardi.

 

Ti consiglio vivamente di controllare sempre gli ultimi aggiornamenti in quanto può capitare che vengano previste chiusure temporanee: io li ho visitati a metà agosto (periodo sconsigliatissimo) ed erano state introdotte entrate a numero limitato per via del grande afflusso di gente.

Prezzi

Il prezzo d’ingresso varia a seconda della stagione. Nota che i biglietti possono essere acquistati soltanto in anticipo (fino a un giorno prima della visita) ed essi sono i seguenti:

 

– dal 01/11 al 31/03: 55 kune (circa €7,50);

– dal 01/04 al 30/06 e dal 01/09 al 31/10: 150 kune (circa €20,00);

– dal 01/07 al 31/08: (fino alle quattro del pomeriggio) 250 kune (circa €35,00), dalle sedici in poi 150 kune.

 

Tieni a mente che sono sempre previste riduzioni per studenti, anziani e bambini (basta mostrare un documento di riconoscimento o una tessera studente).

Per i prezzi aggiornati ti consiglio, ancora una volta, di visitare il sito ufficiale a questa pagina.

Foto/video

Prima di raccontarti cosa mi è piaciuto/non piaciuto e svelarti i miei consigli, ti lascio godere qualche foto e qualche video aggiuntivi della bellezza che i laghi di Plitvice hanno da offrire.

Clicca sulle immagini per visualizzare il post sul mio profilo Instagram.

Cosa mi è piaciuto

E’ un vero e proprio bagno nella natura.

Se ti piace perderti nelle foreste e godere un po’ di buona aria di “montagna” questo è il posto per te. E’ un luogo davvero affascinante e così rilassante. Le passerelle in legno rendono tutto molto suggestivo dato il contrasto con i vivaci colori dei laghi e della vegetazione. Le sfumature dell’acqua, poi, sono impressionanti!

E’ sicuramente uno di quei posti da visitare almeno una volta nella vita, specialmente poiché si adatta perfettamente ad ogni tipo di esigenza.

Cosa non mi è piaciuto

Sicuramente la calca di gente che ho incontrato.

Va detto: i laghi di Plitvice sono una località estremamente turistica pertanto diventa spiacevole visitarli nei periodi di alta stagione. Se puoi, evita assolutamente i mesi di Luglio e Agosto o, meglio ancora, visitali tra Ottobre e Maggio.

I miei consigli

Evita tour organizzati: lasciati travolgere dalla quiete della natura per assaporare al meglio i laghi. I tour organizzati sono spesso composti da gruppi numerosi e a mio parere non ne vale proprio la pena perdersi quell’atmosfera di pace che puoi provare con una visita in solitaria o con la propria compagnia.

 

Gioca d’anticipo: se come me non hai altre occasioni per organizzare la visita in periodi di bassa stagione sappi che dovrai fare i conti con lunghe attese all’ingresso. Io sono arrivato circa sessanta minuti prima dell’apertura e ho fatto un’ora di coda. Se possibile, anticipa il tuo arrivo in modo da poter assicurarti una visita tranquilla almeno per la prima ora ed evitare inoltre di spendere troppo tempo in attesa.

 

Visitali da una prospettiva diversa: all’interno del parco è possibile noleggiare barchette a remi in legno. Opzione molto interessante per avere un’esperienza diversa ed evitare la folla di gente che invade il parco nei periodi di alta stagione.

Hai trovato l'articolo interessante?

Se l’articolo ti è piaciuto e pensi che possa aiutare nel concreto le persone, ti invito a condividerlo utilizzando uno dei pulsanti qua sotto e/o a lasciare un commento!

Viaggio per trovare la migliore versione di me stesso. Scrivo per condividere l'importanza di utilizzare il viaggio come strumento per conoscersi e superare i propri limiti.

Lascia un commento

About Be Adventurer

Nato a Ferrara, Italia, Be Adventurer è un blog di Alex Negrini.
Lo scopo principale del sito è quello di condividere e promuovere il viaggio utilizzato come mezzo di crescita.
Tutti i diritti riservati © beadventurerblog 2020.

[email protected]