Image Alt

La mia storia

La mia storia

Sarò breve, non vi racconterò di quando ho camminato sulla luna o di quando ho scoperto l’America ma qualcosa ho fatto.

 

Gran parte dei miei giovani vent’anni sono stati segnati da timidezza accompagnata da un forte senso di inadeguatezza che mi ha sempre limitato parecchio. Posso rendere l’idea probabilmente paragonandomi ad una chiocciola, con l’unica differenza che io dalla conchiglia non uscivo mai, proprio non ci riuscivo.

Sapevo di dover agire in qualche modo per migliorare questo lato del mio carattere e ciò che venne in mio soccorso fu il tennis.

Era la mia principale valvola di sfogo; il campo era l’unico posto dove riuscivo finalmente ad essere me stesso e a liberarmi dai pensieri (beh, per lo meno fin quando non perdevo e allora mi incazzavo col mondo intero, ma questa è un’altra storia).

La mia storia - 2

Questo sport è stato un grande aiuto, grazie ad esso sono cresciuto tanto e mi ha aiutato a farmi uscire dalla corazza, per lo meno con una piccola parte del corpo.

 

Ciò che ha dato davvero una grande svolta alla mia vita, però, sono stati i viaggi e ne sono infinitamente grato.

Come nasce la mia passione per i viaggi?

Mi è sempre piaciuto vagabondare ma la vera passione nasce nel 2017 quando i miei genitori, presi da un atto di generosità, decisero di darmi qualche spicciolo per farmi un viaggio e, da grande appassionato di tennis, decisi di andare a vedere un torneo a Stoccarda, Germania.

La mia storia - 1

È stato tutto piuttosto improvvisato tant’è che non ho nemmeno trovato qualcuno disposto a partire con me. Allora colsi l’occasione per partire da solo, con il pieno sostegno di mia mamma (sì, come no).

 

Sentivo il bisogno di uscire dal guscio, mettermi in gioco, abbattere le mie più grandi insicurezze… E così fu.

Tanto banale da dire quanto vero: avevo fatto la cosa giusta, al momento giusto.

Quell’esperienza fu una scoperta enorme: viaggiare da solo è una figata e non riesco più a farne a meno!

 

Lo stesso anno feci anche un fantastico viaggio scolastico in Bosnia-Erzegovina, uno dei viaggi più significativi della mia vita. Conobbi persone meravigliose e scoprii una realtà mai vista prima.

 

Quel viaggio mi aprì gli occhi e la mente. Mi resi conto per la prima volta quanto un viaggio possa davvero cambiarti non solo la vita ma anche la visione che hai di essa.

Marcel Proust

“Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi”

Seguirono poi diverse avventure con amici in giro per l’Europa fin quando, l’estate successiva, decisi di fare un’altra esperienza in solitaria. Quella volta, però, decisi di mettermi decisamente più alla prova!

 

Segnato dal meraviglioso ricordo del viaggio in Bosnia ed Erzegovina decisi di approfondire andando ad esplorare i Balcani.

Presi un volo per Atene, Grecia con l’obiettivo di attraversare diversi paesi balcanici dirigendomi a nord, lungo la costa, per poi tornare in patria.

 

Non proprio tutto andò come previsto anzi, ben poco!

Riuscire, infatti, a trovare un tetto sotto cui passare le notti non fu proprio facile. 

Il motivo? lo racconterò nei prossimi articoli dedicati.

 

Riuscii comunque a trarre il meglio da quel viaggio e fu un’avventura assolutamente meravigliosa.

Grazie a quell’esperienza ho iniziato ad apprezzare l’imprevedibile e ad abbracciare le avversità, trasformandole in possibilità.

 

L’anno successivo finalmente riuscii a prendere il diploma e, con esso, sorse anche la fatidica domanda:

``E ora che faccio?``

Qualche idea ce l’avevo, ma io volevo viaggiare. Dunque, usando la solito scusa “viaggiare mi farà trovare risposte”, rinunciai al viaggio di maturità e rifiutai tre proposte di lavoro per partire alla volta di Melbourne, Australia. Finalmente.

Feci ciò che volevo, ciò che ho sempre sognato e, oggigiorno, è la scelta di vita di cui vado più fiero.

  

Ho vissuto con famiglie che mi hanno accolto come un figlio e ho costruito legami con adorabili persone che hanno lasciato ricordi indelebili nel mio cuore.

Ho imparato ad apprezzare la vita nella sua semplicità, sorridendo ad essa e ad esserne grato, ogni giorno di più.

 

È stato senza dubbio l’anno più bello e significativo della mia vita.

Beadventurerblog@gmail.com

Viaggio per trovare la migliore versione di me stesso. Scrivo per condividere l'importanza di utilizzare il viaggio come strumento per conoscersi e superare i propri limiti.

About Be Adventurer

Nato a Ferrara, Italia, Be Adventurer è un blog di Alex Negrini.
Lo scopo principale del sito è quello di condividere e promuovere il viaggio utilizzato come mezzo di crescita.
Tutti i diritti riservati © beadventurerblog 2020.

beadventurerblog@gmail.com